Tempo di lettura: 2 minuti

Bando Qualità artigiana – Prima attuazione sperimentale

E’ stato approvato il 30 giugno 2022 il Bando qualità Artigiana che prevede un contributo massimo di € 10.000 alle imprese iscritte ed attive alla sezione speciale “Imprese artigiane” del Registro Imprese delle Camere di Commercio operanti nei settori artistico, manifatturiero e della trasformazione alimentare con sede legale e/o operativa in Lombardia e appartenenti ai seguenti codici Ateco primario:

- C Attività manifatturiere e tutti i sotto digit

- I 56.10.30 - Gelaterie e pasticcerie

- R 90 Attività creative, artistiche e di intrattenimento.

 

AGEVOLAZIONE

Le imprese artigiane possono chiedere un’agevolazione a fondo perduto dell’importo massimo pari a € 10.000,00 che viene concesso nei limiti della dotazione finanziaria individuata.

 

PROGETTI E SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili, al netto di IVA, le seguenti tipologie di spesa in conto capitale:

a) acquisto di beni strumentali/macchinari/attrezzature escluse le spese per il montaggio/trasporto/manodopera. Le spese devono riguardare esclusivamente beni durevoli, non di consumo e strettamente funzionali all'attività svolta (non sono ammessi gli autoveicoli);

b) acquisto di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali, licenze d’uso e servizi software di tipo cloud e saas e simili;

c) acquisto di hardware (sono escluse le spese per smartphone e cellulari);

d) acquisto di beni strumentali per il miglioramento dell’efficientamento energetico dei locali adibiti all’attività artigianale.

 

Sono ammissibili, al netto di IVA, le seguenti tipologie di spesa in conto corrente (max 50% delle spese ammesse):

e) comunicazione per rendere maggiormente conoscibile il prodotto/servizio artigianale (es. sito internet, registrazione dominio, messaggi pubblicitari, etc);

f) spese notarili per passaggio generazionale al netto di tasse, imposte, diritti e bolli anticipate dal notaio/consulente;

g) spese forfettarie (con contributo a fondo perduto fisso pari a € 2.000) per nuove assunzioni di giovani under 35 a partire dal 1° gennaio 2022;

h) spese di formazione al personale dipendente;

i) spese per l’ottenimento delle certificazioni (ad esempio ambientali ecc.).

 

Si precisa che tutte le spese ammissibili devono:

• essere sostenute e quietanziate dal 1° gennaio 2022 ed entro la data di presentazione della domanda e comunque in ogni caso non oltre il 15 ottobre 2022;

• essere comprovate da: fatture interamente quietanzate o (nel caso della spesa g)) dal contratto di assunzione del giovane under 35;

 

Lo sportello sarà aperto dalle ore 11 del 7/07/2022 fino ad esaurimento fondi

Scarica documento